Motomondiale 2014: Marc Marquez e suo fratello Alex accolti da eroi in patria

Marc e Alex Marquez (getty images)
Marc e Alex Marquez (getty images)

Nella città di Cervera migliaia di fans hanno accolto Marc e Alex Marquez, i due fratelli campione del Mondo di MotoGP e Moto3. Una festa che si ripete da anni nella cittadina spagnola, dal momento che Marc Marquez ha già vinto nel 2010 (classe 125 cc), nel 2012 (Moto2) e nel 2013 (MotoGP).

Ma quest’anno la festa è doppia e assai rara, dato che non era mai successo che due fratelli conquistassero il titolo iridato nella medesima stagione del Motomondiale.

 

I fratelli Marquez nella storia del Motomondiale

Marc Marquez ha avuto vita piuttosto facile, soprattutto nella prima parte del campionato, potendo anche contare su una moto nettamente superiore a quelle degli avversari. Alex Marquez, invece, ha dovuto lottare fino all’ultimo giro del Motomondiale 2014 per avere la meglio sull’australiano Jack Miller.
“Oggi è stata una giornata bellissima e speciale. Quest’anno il tempo è stato dalla nostra parte, perché, anche se ha fatto un po’ freddo, almeno non ha piovuto come l’anno scorso – ha dichiarato Marc Marquez –. E’ stato molto emozionante vedere tutta la gente del paese, volti conosciuto che sono venuti qui per festeggiare i nostri due titoli, il mio e quello di mio fratello. Tutto questo ci dimostra che ciò che abbiamo realizzato è molto grande – ha sottolineato Marc Marquez – e ci dà molte motivazioni per affrontare il prossimo anno”.

E pensare che l’anno scorso, nella stessa città, i due fratelli avevano promesso che sarebbero tornati con due titoli. Detto fatto. “E’ stata una giornata molto speciale con la gente di Cervera e tutti coloro che sono venuti da fuori. Vogliamo che i fan sentano questo titolo come il loro – ha detto Alex Marquez -, perché senza il loro sostegno non sarebbe stato possibile. L’anno scorso proprio qui, avevamo promesso che saremmo arrivati ​​con due titoli e ci siamo riusciti. E’ stato un anno molto lungo e difficile, dove ho dovuto lavorare sodo. Ora mi riposerò un po’ – ha concluso Alex – e poi voglio godermi i titoli vinti con mio fratello, ma sono desideroso di affrontare nuove sfide”.