MotoGP 2015, Andrea Iannone: “Posso stare con i primi se la Ducati è ok”

Andrea Iannone con la Ducati ufficiale a Valencia
Andrea Iannone con la Ducati ufficiale a Valencia (getty images)

Nella prima giornata in sella alla Ducati ufficiali Andrea Iannone ha chiuso con il quinto tempo nel day 1 dei Test MotoGP di Valencia. Il pilota abruzzese ha chiuso il Mondiale 2014 al decimo posto in sella alla Ducati Pramac, ma più volte nelle prove libere e nelle qualifiche ha dimostrato di poter tenere testa ai big, a patto che la Desmosedici sia all’altezza della situazione.

Nel Mondiale MotoGP 2015 la Casa di Borgo Panigale scenderà in pista con la nuova moto disegnata da Gigi Dall’Igna, il cui esordio è previsto nei primi test di Sepang. Soltanto allora potremo capire l’effettivo rendimento della Ducati ufficiale che avrà due piloti italiani in groppa: Andrea Dovizioso e Andrea Iannone.

 

Il pilota di Vasto pensa positivo per il Mondiale 2015

In un’intervista rilasciata a Enrico Borghi e apparsa sul numero 44 di Motosprint Andrea Iannone ha parlato della stagione appena trascorsa e delle aspettative in vista del prossimo Motomondiale 2015. “Il mio anno importante sarà il prossimo, e poi quello seguente”, ha ammesso il pilota di Vasto. “E’ l’anno prossimo quello in cui voglio essere competitivo. Quest’anno ero disposto a sacrificarmi: nel caso bisognasse perdere una posizione, ero disposto a perderla”, pur di provare e raccogliere informazioni utili e nuove componenti.

Andrea Iannone spesso si è dovuto sacrificare per lo sviluppo della moto, come ad esempio a Indianapolis, quando si è dovuto ritirare per problemi al motore. ma il pilota abruzzese ammette anche i propri errori e traccia un bilancio positivo per il 2014: “È stato un anno estremamente positivo, assolutamente. Perché c’è stata una crescita, sia da parte mia che della nostra moto; c’è stata una gestione completamente diversa rispetto al 2013, quindi si è visto un miglioramento sotto tutti gli aspetti. Molte volte mi sono tolto delle soddisfazioni: sono stato spesso la prima Ducati, per quello che può contare – ha sottolineato Andrea Iannone -. Sono molto positivo per il futuro. Davanti a me vedo solo arcobaleni”.

Del resto la Ducati gli è sempre stata vicina, riservandogli lo stesso trattamento di Andrea Dovizioso e l’arrivo di Gigi Dall’Igna ha portato serenità e ottimismo nei box: “L’arrivo di Gigi Dall’Igna ha mutato completamente la situazione. Tutto ha iniziato a funzionare meglio: il lavoro che facciamo è più efficace, le prove sono svolte molto bene. E la moto è migliorata”.

Ora che il salto è compiuto si allargano gli orizzonti e gli obiettivi di Andrea Iannone: “Mi sento di poter stare con i primi, se tutto è a posto… Davanti a me ho due anni di tempo per dimostrare quello che valgo. Io e i miei uomini di fiducia dobbiamo dare il meglio di noi stessi per non sprecare questa occasione, perché è importantissima”.