RCAuto: dal Movimento 5 Stelle una proposta “rivoluzionaria”

Una compagnia assicurativa pubblica che applichi tariffe agevolate ai cittadini e premi gli automobilisti virtuosi, per contrastare le “lobby” delle assicurazioni private e aprire finalmente il mercato dell’RCAuto alla concorrenza, a tutto vantaggio dei consumatori. Questa, in estrema sintesi, la proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle – rilanciata ieri sul blog di Beppe Grillo – con l’obiettivo di “sanare tutte le storture legislative che consentono attualmente alle assicurazioni di imporre tariffe indiscriminatamente punitive e, per molti, proibitive”

(Getty Images)
(Getty Images)

Rcautoequa M5S

Il Disegno di Legge, presentato in Senato con atto n. 1597 (iniziativa legislativa del sen. Sergio Puglia) è al momento costituito di 12 articoli e stabilisce tre principi cardine:

1. Premiare i cittadini “virtuosi” con tariffe vantaggiose

I cittadini virtuosi non dovranno più farsi carico della “sinistrosità” e della disonestà altrui: chi non farà incidenti da 5 o 8 anni si vedrà riconosciute le tariffe più basse dell’intero territorio nazionale.

2. Assicurazione pubblica per i virtuosi

Lo Stato interviene con un’assicurazione pubblica agevolata per tutelare i virtuosi in attesa di un adeguamento del settore privato a livello di “comportamenti” e tariffe.

3. Lotta allo strapotere delle assicurazioni e ai conflitti di interesse all’interno delle società preposte al loro controllo

Il DdL prevede che sia comprovata l’indipendenza degli esperti, introduce il divieto alle assicurazioni di imporre la durata dei contratti, o di forzare i cittadini all’acquisto di altri prodotti assicurativi insieme all’RCauto, fissa termini obbligatori di risposta per l’assicurazione, e rende facoltativo e non obbligatorio il risarcimento diretto.

Per scoprirne di più: www.rcautoequa.it.