“Valentino Rossi caposquadra Yamaha, ha distrutto Jorge Lorenzo”: l’analisi di Carlo Pernat

Valentino Rossi (getty images)
Valentino Rossi (getty images)

La MotoGP sbarcherà a Valencia per l’ultima tappa del Mondiale 2014, dopo le tre gare consecutive in Estremo Oriente (Giappone, Australia e Malesia). Nel tour asiatico Marc Marquez è stato decretato campione dopo un avvio di stagione strepitoso, ma Valentino Rossi ha dimostrato di poter essere considerato uno dei tre big. Il pesarese della Yamaha è ad un soffio dal titolo di vice campione del mondo e nell’ultimo Gran Premio in terra spagnola, con un vantaggio di 12 lunghezze sull’amico di squadra e rivale in pista Jorge Lorenzo, basterà anche amministrare saggiamente la gara.

 

Il manager ligure Carlo Pernat fa un’analisi del Motomondiale con la sua solita e cinica lucidità sulle colonne di Gpone.com, iniziando dalla prestazione di Sepang, e mettendo a confronto il veterano Valentino Rossi e il giovanissimo fenomeno Marc Marquez: “E’ stata una gara fantastica, con due stili di guida a confronto, Valentino è ritornato a guidare pulito, bello a vedersi, contro un ragazzino di vent’anni che è l’opposto. Marc ha una guida scomposta ma efficace – ha sottolineato Pernat -, difficile da capire, insieme hanno offerto uno spettacolo stupendo”.

 

I successi di Valentino Rossi sono dovuti soprattutto alle sue scelte coraggiose, come il cambio dello stile di guida e la scelta di un nuovo capo tecnico, Silvano Galbusera, che ha sostituito l’indimenticabile Jeremy Burgess. Decisioni che hanno rimesso in pole il Dottore che, nella prossima stagione, partirà tra i favoriti… “Io penso che Valentino abbia fatto un percorso molto difficile, dopo la distruzione mentale in Ducati, voleva anche smettere di correre – ha proseguito il manager ligure -. Ha distrutto Lorenzo riprendendosi il ruolo di caposquadra mentre battere Pedrosa è stato più semplice. La terza missione era farlo con Marquez, quasi impossibile ma non per Rossi. Due GP glieli ha già portati via e penso lo abbia messo nel mirino per il prossimo anno, ci divertiremo”, ha concluso il manager Carlo Pernat.

 

Redazione