Arezzo: “beccato” con una prostituta e multato. Ma era sua moglie…

La vicenda ha del tragicomico ed è un esempio perfetto di realtà che supera la fantasia. Protagonista un 60enne originario della Valdichiana fermato dalla Polizia Locale di Arezzo mentre era a bordo della sua auto in compagnia di una ragazza 29enne. La “coppietta” si trovava in quel momento a San Zeno, mentre i vigili erano impegnati in una ronda anti-prostituzione. Gli agenti non sono andati troppo per il sottile e hanno comminato ai due una multa di 300 euro a testa, presumendo che l’uomo avesse appena adescato la squillo.

(Getty Images)
(Getty Images)

Lui ha prontamente contestato gli addebiti, e dopo aver presentato il suo certificato di matrimonio è riuscito a ottenere la cancellazione la sanzione. La giovane scambiata per una prostituta, infatti, in realtà era sua moglie. Ma c’è di più! La donna esercita regolarmente il mestiere più vecchio al mondo, ma l’incontro tra i due era stato organizzato di comune accordo per discutere delle pratiche relative al divorzio, che avrebbe posto fine a quello che – secondo il quotidiano ‘La Nazione’ – era il più classico dei matrimoni d’interesse.

La vicenda risale in realtà al settembre 2013, ma in questi giorni è tornata sotto i riflettori perché l’uomo è finalmente riuscito a vedersi cancellata la sanzione…

Redazione