MotoGP Sepang, Valentino Rossi: “Serve un altro step per stare con le Honda e Jorge Lorenzo”

Valentino Rossi (getty images)
Valentino Rossi (getty images)

Valentino Rossi partirà dalla sesta posizione al Gran Premio di Sepang 2014, alle spalle dei tre big della MotoGP Marc Marquez, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Una gara tutta in salita per il pilota pesarese della Yamaha che dovrà subito conquistare posizioni alla partenza per non perdere il passo dei migliori. La sifda per il secondo posto con Jorge Lorenzo si preannuncia difficile, ma Valentino Rossi sa bene come distillare alte prestazioni dalle situazioni difficili.

Dopo la vittoria nel GP di Phillip Island i tifosi si aspettavano qualcosa in più dal ‘Dottore’, ma la MotoGP ci insegna che in gara tutto è possibile. A preoccupare Valentino Rossi non è però il sesto piazzamento nella Q2, quanto il distacco di un secondo circa dalla vetta: “Sono in seconda fila ed è molto importante per la gara perché non è una posizione malvagia in un weekend in cui stiamo tribolando un po’ – ha detto Valentino Rossi -. Oggi è andata meglio di ieri, abbiamo migliorato, però non ho il passo che vorrei e non riesco a guidare bene la moto. Le due Honda e Lorenzo sono un po’ più veloci, quindi se domani vogliamo provare a stare con loro servirà un altro step – ha avvisato il campione di Tavullia -. Stiamo lavorando per cercare di capire cosa fare per eliminare il troppo chattering che abbiamo qui. Vista questa situazione, partire in seconda fila non è neanche male”.

La gara si prospetta in salita su un circuito che sembra favorire le Honda, scese al di sotto dei  due minuti. grazie anche ad una migliore aderenza delle gomme. E anche per Jorge Lorenzo non sarà facile tenere testa a Marc Marquez. Nelle fasi finali della quarta sessione di prove libere del GP di Sepang Valentino Rossi ha riportato una caduta senza nessuna conseguenza: “Stavo provando la gomma dura davanti e stavo cercando di fare un buon ritmo. Non so se forse ero un pelino più largo del solito, ora dobbiamo guardare i dati, comunque mi ha vibrato il davanti e sono scivolato – ha raccontato Rossi -. Però è andata bene perché non mi sono fatto niente ed è tutto a posto”.

 

 

 

Redazione