MotoGP Sepang, Dani Pedrosa: “Voglio ancora lottare per il secondo posto”

foto Facebook
foto Facebook

Dani Pedrosa ha lasciato Phillip Island senza portare punti a casa, a causa della caduta causata da Andrea Iannone. Aldilà delle piccole polemiche post-gara il pilota spagnolo MotoGP della Repsol Honda guarda alla prossima gara a Sepang e crede ancora nella rincorsa al secondo posto in classifica iridata, sebbene sia distante 17 lunghezze da Jorge Lorenzo e 25 da Valentino Rossi.

 

VIAGGIO IN INDONESIA – Intanto Dani Pedrosa è sbarcato in Indonesia per due giorni di eventi, davanti ad un pubblico in delirio, prima di partire per la Malesia dove nel week-end si terrà il GP di Sepang. “Stiamo vivendo due giorni di follia. Siamo precisamente in Indonesia, come alcuni avranno già visto sui miei profili Facebook e Twitter. Questo è incredibile, siamo in un paese dove non c’è un Gran Premio, eppure il numero di fan è letteralmente incredibile. Tutti i nomi di tutti i piloti sono noti e anche i membri del team. L’accoglienza riservata a noi all’aeroporto, e in generale ovunque, è più da pop star o stelle del cinema che da piloti MotoGP”.

 

SECONDO POSTO IRIDATO – Dopo il bagno di folla sarà il momento di pensare alla tappa di Sepang e Dani Pedrosa non vuole mollare ancora la presa sul titolo di vice campione del mondo di MotoGP: “Voglio andare avanti dopo la sfortuna che abbiamo avuto a Phillip Island. Non non siamo riusciti a finire, per motivi che esulano da noi – ha detto Dani Pedrosa riferendosi implicitamente ad Andrea Iannone -. Ed è bene che ora pensiamo al circuito (di Sepang, ndr) su cui abbiamo avuto molti buoni risultati negli anni precedenti. Spero di poter dedicare una buona gara a Sepang – ha concluso il pilota spagnolo – certamente io prometto che negli ultimi due Gran Premi darò tutto me stesso per lottare per il secondo posto“.

 

 

Redazione