MotoGP, Marc Marquez: “Il record di Mick Doohan è il prossimo obiettivo”

Marc Marquez (getty images)
Marc Marquez (getty images)

Nel week-end di Phillip Island il re della MotoGP Marc Marquez è caduto al 17esimo giro del Gran Premio, lasciando via libera alle Yamaha verso il podio e mancando l’occasione di eguagliare il record delle 12 vittorie stagionali finora detenuto da Mick Doohan. Ma il campione iridato della Repsol Honda avrà ancora due possibilità per tentare di agguantare lo storico record e magari chiudere in bellezza questa stagione, cominciata con bene dieci vittorie consecutive.

Uno sprinti iniziale che lo ha subito proiettato saldamente in vetta alla classifica, permettendogli un certo ‘rilassamento’ nelle ultime gare. Fatto sta che le Yamaha sembrano avvicinarsi alle prestazioni della Honda ufficiale e Jorge Lorenzo e Valentino Rossi stanno macinando podio su podio, lasciando presagire un Mondiale 2015 combattutissimo.

 

 

IL RECORD DI MICK DOOHAN – Marc Marquez intanto si gode il quarto titolo iridato, il secondo in MotoGP, e si prepara alla prossima gara in terra malesiana per rincorrere la 12esima vittoria stagionale: “Ieri avevo parlato con Mick Doohan, mi aveva detto che sarebbe stato felice se avessi eguagliato il suo record di 12 vittorie stagionali qui. Purtroppo è andata male, ma ho ancora due gare per riuscirci”, ha affermato il campione di Cervera con il suo solito ottimismo che lo ha sempre contraddistinto anche nei momenti più difficili.

 

LA CADUTA A PHILLIP ISLAND – La caduta al Gran Premio d’Australia è stata causata dalla scelta della gomma e dalle condizioni atmosferiche ‘inattese’: “La temperatura dell’aria è calata, me ne sono accorto ma non pensavo che influisse così tanto con la gomma. Ho rallentato il mio ritmo di qualche decimo, ma non è bastato. Siamo caduti tutti allo stesso modo, con la moto dritta”, ha osservato Marc Marquez. “Si faceva fatica a portare in temperatura la gomma, forse in quel punto ho sbagliato ma dalla telemetria si vede che non ho fatto nulla da diverso dal solito. Per noi era impossibile utilizzare la mescola più morbida”.

 

YAMAHA PIU’ COMPETITIVA – Ma in casa Yamaha si lavora sodo per raggiungere le prestazioni della Honda RC213V e sembrano esserci quasi riusciti… “Questa è una pista dove partivano avvantaggiate, ma quando sono caduto ero comunque davanti a loro – ha sottolineato Marc Marquez -. Me le aspetto forti anche a Sepang, ma voglio lottare con loro”.

 

 

L.C.