MotoGP Phillip Island, Jorge Lorenzo: “La mia tuta è distrutta, ma io sono ok”

Il “day 1″ di Phillip Island, sedicesima tappa del Motomondiale 2014, assegna il miglior crono al campione della Yamaha Jorge Lorenzo, che si conferma in ottima forma nonostante una brutta caduta dovuta alla chiusura dell’anteriore asimmetrico della Bridgestone in fase di frenata. “Non mi aspettavo la caduta – ha dichiarato il maiorchino al termine della prova -, perché ero in fase frenata più o meno nello stesso punto e con una pressione simile a quella dei giri precedenti, ma improvvisamente, senza alcun preavviso, il pneumatico anteriore si è chiuso. Entro un decimo di secondo ero nella ghiaia”.

 

Per fortuna, però, non ci sono state conseguenze e le prospettive per gli appuntamenti delle prossime ore rimangono rosee. “E’ stato un incidente piuttosto violento – spiega Lorenzo -, ma per fortuna non mi sono fatto nulla. La mia tuta è completamente distrutta, ma io sono ok, ed è la cosa più importante. Penso che la nuova gomma anteriore asimmetrica era troppo dura per queste condizioni”.

 

Anche stavolta il pilota spagnolo ribadisce che l’importante è imparare la lezione. “Sono cose che capitano e si deve imparare anche in queste situazioni – conclude -. Ora dobbiamo scegliere tra la 31 o un’altra asimmetrica. Sarà una decisione importante perché domani se fosse più caldo, i pneumatici asimmetrici potrebbe essere l’opzione migliore”.

 

 

Redazione

 

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)