Incidente Jules Bianchi: nuovo comunicato Marussia F1 per respingere accuse infondate

Jules Bianchi (getty images)
Jules Bianchi (getty images)

A dieci giorni dall’incidente di Jules Bianchi a Suzuka il team Marussia F1 ha emesso un comunicato ufficiale per far sapere le reali condizioni di salute del giovane pilota francese. Nessun segnale positivo per il momento, ma la famiglia intera prega è intorno giorno e notte, confortata da amici e tantissima gente che porta un briciolo di conforto.
“Jules rimane in condizioni critiche ma stabili nel reparto di terapia intensiva del Mie General Medical Center di Yokkaichi. La famiglia Bianchi continua ad essere confortata dai pensieri e dalle preghiere di molti tifosi di Jules ‘e della comunità motorsport. In particolare, le numerose manifestazioni di sostegno e di affetto nel corso del Gran Premio russo a Sochi sono stati di grande conforto per i genitori di Jules e per i parenti e gli amici presenti in ospedale. La famiglia fornirà ulteriori aggiornamenti medici al momento opportuno”.

 

A distanza di poche ore la Marussia ha poi dovuto diramare un nuovo comunicato per spazzar via certe voci mediatiche (vedi Auto Bild), secondo cui la scuderia avrebbe chiesto a Bianchi di accelerare in regime di bandiera gialla: “Nella giornata di martedì 14 ottobre, un certo numero di media hanno suggerito che 1) Jules Bianchi non ha rallentato in regime di doppia bandiera gialla mostrata dopo che Sutil era uscito di pista in condizioni di bagnato e che 2) il team avesse chiesto a Jules di andare più veloce in regime di doppia bandiera gialla per tenere dietro Marcus Ericsson.

Il Team Marussia è scioccato e irritato da queste accuse. Nel momento in cui il proprio pilota è in ospedale in condizioni critiche, e il team ha reso chiaro che le sue più alte preoccupazioni sono per Jules e la sua famiglia, è stressante dover rispondere a questi rumors così scioccanti e inaccurati sulle circostanze dell’incidente di Jules. Ma, visto che queste affermazioni sono completamente false, non c’è alternativa che rispondervi.

 

Per quel che riguarda il punto uno, Jules ha rallentato in regime di doppia bandiera gialle. E’ un fatto inconfutabile come dimostrano i dati della telemteria che il team ha fornito alla FIA. Nella conferenza stampa della FIA che ha avuto luogo a Sochi venerdì 10 ottobre, Charlie Whiting, il direttore di gara della FIA, ha confermato che il team ha fornito questi dati, che lui stesso ha esaminato, e che Jules ha rallentato.

Riguardo al punto 2, una registrazione dell’intera comunicazione radio tra Jules e il team e anche una trascrizione è stata consegnata alla FIA; è abbastanza chiaro che dalla registrazione e dalla trascrizione, in nessun momento che ha preceduto all’incidente di Jules, il team gli ha chiesto di andare più veloce o ha fatto alcun commento che suggerisse la necessità di farlo.

 

Il team spera sinceramente che, avendo chiarito questi fatti, si possano ora evitare ulteriori distrazioni al suo focus primario ora, che è dare tutto il supporto a Jules e alla sua famiglia”.

 

 

 

Redazione