MotoGP, Valentino Rossi: “La nuova Yamaha R1? L’ho provata un anno fa”

Il bilancio della prima giornata di prove libere sul circuito di Motegi per Valentino Rossi è tutto sommato positivo, considerando le incognite che pendevano sul campione della Yamaha, a partire dall’ormai noto problema al dito. “Oltre ad avere tenuto un buon passo – spiega il dottore ai colleghi di Gpone.com -, abbiamo ottenuto anche indicazioni importanti per domani. Inoltre Lorenzo è stato molto veloce, il che dimostra che la moto ha un buon potenziale”. Ma non per questo occorre abbassare la guardia, perché “il sabato le Honda migliorano sempre abbastanza”, e “la Ducati con Dovizioso è molto competitiva, non solo col la gomma extrasoft ma anche sul passo con quella da gara”.

Quanto a Marc Marquez, “a causa della caduta, questa mattina ha perso tempo” e “nel secondo turno è stato meno incisivo del solito ma bisogna aspettare per giudicarlo”: nella prima parte della stagione “la Honda era superiore a Yamaha, ma è comunque stato Marc a fare la differenza. Ha vinto in ogni condizione, senza mai sbagliare nulla”.

Il Dottore non nasconde l’ambizione di imporsi sui rivali della Honda proprio in Giappone: “Non porto rancore nei loro confronti, anzi – spiega -, insieme abbiamo vinto tre titoli. Però vedo che gli uomini Yamaha qui sono particolarmente carichi, darebbe un gusto particolare vincere in casa degli avversari”.

Quanto alla nuova R1 di cui tanto si è parlato, il Pesarese conferma di aver provato “la versione stradale, ma è passato un anno. È stato dopo la gara di Motegi, ho guidato un prototipo sulla pista Yamaha di Fukuroi. È un circuito che fa sembrare il TT sicuro, anche se bellissimo”, dice sorridendo. “C’è una curva in discesa da quarta marcia con il guardrail vicinissimo”. E assicura di non avere in programma altri test, ma “solo qualche foto promozionale”. “Però – conclude – quella moto mi era piaciuta, andava veramente forte”.

Redazione

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)