Incidente Jules Bianchi, Charlie Whiting: “La Sauber era stata quasi rimossa”

Poco fa si è conclcusa una conferenza della FIA a porte chiuse per le telecamere, dove è stato mostrato il video dell’incidente a Jules Bianchi ripreso dalle telecamere a circuito chiuso dell’autodromo di Suzuka. Secondo le prime indiscrezioni il pilota francese ha perso il controllo della Marussia, riuscendo in parte a correggere la traiettoria, per poi andarsi a schiantare contro la gru a bordo pista.

 

Il direttore di gara Charlie Whiting ha spiegato che “Bianchi ha effettivamente rallentato, si è trattato di un problema di aderenza”, aggiungendo che l’incidente è avvenuto ad una velocità di 212 km/h. Per quanto concerne la mancata uscita tempestiva della safety car Whiting ha affermato che “la Sauber era già stata quasi completamente rimossa in quanto era in procinto di essere posizionata oltre le barriere. Ad ogni modo la distanza tra la pista e la Sauber uscita poco prima era ampia”.

 

Ma quanto successo meno di una settimana fa nel GP del Giappone deve far riflettere e qualcosa dovrà pur cambiare: “Probabilmente la miglior decisione è togliere ai piloti la discrezionalità sul quanto rallentare allo sventolare delle bandiere gialle”.

 

 

Redazione

 

 

Charlie Whiting e Jean Todt (getty images)
Charlie Whiting e Jean Todt (getty images)