Autovelox: se la volante è “nascosta” la multa decade

Che l’autovelox debba essere segnalato con un apposito cartello di avviso, e risultare sempre ben visibile al guidatore, pena la nullità della multa, non è certo una novità. La sanzione decade, tuttavia, anche qualora la pattuglia della polizia che effettua il rilevamento a bordo strada sia “coperta” da un’altra vettura civile che impedisce agli automobilisti in transito di accorgersi dell’autovelox. A stabilirlo è la sentenza n.585 del 7.10.2014 del Giudice di Pace di Busto Arsizio (Varese), che si è pronunciato sul “caso” dell’auto di un privato che, fermata dai vigili urbani per l’identificazione del conducente e la contestazione di rito, ha nascosto agli altri automobilisti la visuale dell’autovelox.

Il magistrato ha ritenuto decisiva la testimonianza di un altro automobilista che passava per la strada incriminata e ha confermato che durante il rilevamento elettronico la pattuglia dei vigili era “coperta” da un’altra auto ferma, con l’aggravante che la macchina della polizia aveva i lampeggianti spenti (le circolari ministeriali prevedono, come noto, che in caso di postazione di rilevamento mobile la pattuglia deve avere le luci di crociera accese o segnali luminosi lampeggianti).

La decisione farà contenti molti degli automobilisti “vessati” dalle famigerate macchinette, ma non per questo ci si può permettere di abbassare la guardia…

Redazione

(Getty Images)
(Getty Images)