Riforma bollo auto, il governo accorcia i tempi. E’ la solita ‘legge-bufala’?

La notizia dell’abolizione del bollo auto ha fatto subito il giro del web e pare che il mondo della politica voglia subito accorciare i tempi per approvare la proposta di legge. Infatti verrà esaminata già domani, venerdì 10 ottobre, dall’Aula della Camera, come stabilito ieri nella riunione dei capigruppo a Montecitorio.

Ma la proposta di legge non ha trova tutti i cittadini favorevoli, in quanto la proposta di legge va a favorire chi ha la disponibilità economica di acquistare un veicolo nuovo. Inoltre non sembrerebbe agevolare l’industria dell’auto, in quanto difficilmente un cittadino spenderà 10-15 mila euro (mediamente) per risparmiare 200-300 euro.

In base al testo della legge sarà esente dal bollo auto per tre anni chi acquista un veicolo nuovo, per cinque anni se si tratta di un veicolo ‘green’. Dopo questo lasso di tempo varrà la logica del “più inquini più paghi”, con la cifra da pagare che varierà in base alle emissioni. Ma sono in tanti a pensare che si tratti della solita ‘legge-bufala’ che non alleggerirà in modo deciso il carico economico di ogni automobilista, ma solo una fetta ristretta e privilegiata. In più chi possiede un veicolo datato si vedrà probabilmente aumentare il costo del bollo…

E di abbassare i prezzi della RC auto per gli automobilisti più disciplinati non si parla neppure, al contrario di quanto acclamato inizialmente dal governo…

 

 

 

Redazione

 

foto dal web
foto dal web