Sky VR 46, Romano Fenati: “Valentino? Mi ha insegnato a vincere con la testa”

Dopo la straordinaria vittoria messa a segno ad Aragòn la scorsa domenica, Romano Fenati, ha raccontato la sua breve ma brillante carriera in una lunga intervista al magazine “Style”. Il baby pilota marchigiano della Moto3 è stato voluto da Valentino Rossi suo team di giovani talenti e del Dottore dice: “Mi ha insegnato a vincere con la testa”.
Il mondo della Moto 3 è popolato di ragazzini che frequentano i circuiti dai tempi dell’asilo e sono cresciuti col poster del Dottore in cameretta. Romano Fenati ha avuto la fortuna di entrare nel suo paddock. “Ma non è tutto rose e fiori – dice -. Quando lotti per il titolo diventa un lavoro vero”.

“Mi trovo bene con la squadra – spiega -, la cosa bella è che quando c’è un problema lo risolviamo in fretta. E al Ranch, la pista di Vale a Tavullia, ci divertiamo un sacco. Si respira un’atmosfera anni Sessanta, noi piloti tutti sporchi che giriamo con le moto da ‘flat track’ assieme a lui”. E aggiunge: “Purtroppo posso frequentare poco il Ranch perché abito lontano… Però con Valentino ci parliamo: non mi dà consigli sulla guida, semmai su come affrontare la gara con la testa. E mi racconta episodi di quando lui era in 125”.

La gavetta, racconta, è stata dura. “Fino al 2011 ho partecipato al campionato italiano. Era una specie di minimondiale, c’erano tanti piloti forti. I ragazzini di adesso mi sembrano più fighetti, prendono le corse come un gioco”.

Lui, invece, dedica “il 99,99 per cento” delle sue energie alla moto. “Ci penso sempre tranne quando sono in bagno”, dice sorridendo.

E in mente ha un unico obiettivo: “Dare spettacolo, come ad Aragón”.

Redazione

Valentino Rossi e Romano Fenati (foto Twitter)
Valentino Rossi e Romano Fenati (foto Twitter)