MotoGP Ducati, Andrea Dovizioso: “Non riusciamo a rialzare la moto velocemente”

Andrea Dovizioso (getty images)
Andrea Dovizioso (getty images)

 

 

Nonostante la Ducati di Andrea Dovizioso sia partita in prima fila nel GP di Indianapolis, come era facilmente prevedibile ha perso posizioni dopo alcuni giri. Uno smacco di cui eravamo tutti consapevoli già prima dell’inizio della gara, la cui causa principale è l’usura degli pneumatici, specie su pista asciutta.

“Il calo degli pneumatici non è stato improvviso e va tutto ricondotto al fatto che per guidare la Ducati come l’ho guidata ad Indy c’è bisogno di molta forza – ha spiegato il pilota forlivese della Rossa -. E inoltre devo usare più angolo dei miei avversari. Devo tenere giù la moto a forza, poi tirarla su con energia stando attento a non perdere l’anteriore. E’ un tipo di guida molto stancante, che ovviamente non si può tenere per tutti i 27 giri. Gli ultimi dodici infatti sono stati molto difficili”, ha aggiunto Dovizioso.
Un problema che va avanti da tempo e di difficile soluzione, almeno per questa stagione… “Non riusciamo a fare le stesse traiettorie degli altri perché non siamo in grado di rialzare la moto velocemente. Io devo cercare di raddrizzare le esse – ha sottolineato il Dovi -, perché non sarei mai in grado di far voltare la moto così rapidamente tenendo la traiettoria come fanno loro”.

 

 

Redazione