MotoGP 2014, Jorge Lorenzo: “Per battere Marquez la M1 deve migliorare di due decimi”

Jorge Lorenzo (getty images)
Jorge Lorenzo (getty images)

 

 

Jorge Lorenzo sembra essere quasi tornato ai livelli delle stagioni passate, dopo il terzo posto al Sachsenring e il secondo a Indianapolis. Ma per salire sul gradino più alto del podio e interrompere la fila di successi di Marc Marquez servirà uno sforzo in più da parte dello staff Yamaha.
“Il punto chiave della gara è stata la partenza, lì ho perso posizioni importanti e ho dovuto recuperare – ha spiegato Lorenzo -. Di solito è il contrario, scatto bene e poi cerco di sfruttare la pista libera per scappare. La mia strategia a Indianapolis invece è stata diversa, ma alla fine ce l’ho fatta. Però nei primi giri non avevo completa fiducia, le cose sono andate meglio con il passare del tempo”.

 

“Forse, in una pista più congeniale al mio stile di guida, potrò riuscire a batterlo – ha proseguito il maiorchino della Yamaha -. L’anno scorso potevo usare la mia esperienza per compensare allo svantaggio tra le prestazioni di Honda e Yamaha, ma Marquez ha imparato e ora non è più possibile. Per rendermi più facile il compito, la M1 dovrebbe migliorare di almeno uno o due decimi. So che non sarà facile non potendo intervenire sul motore, ma dobbiamo provarci”.

 

Tra Jorge Lorenzo e Yamaha sembra essere tornata massima fiducia e collaborazione… “Yamaha sta lavorando duramente, quindi sono fiducioso di poter avere una moto migliore già quest’anno, ma se così non fosse almeno per la prossima stagione”.

 

 

Redazione