Nuova Porsche Cayenne: più potenza, più efficienza

(foto Twitter)
(foto Twitter)

La sportiva di Casa Porsche si prepara alla terza generazione con un profondo restyling che, senza stravolgere il caratteristico design del modello, introduce numerose novità tecnologiche, specialmente sotto al cofano, e segna il passaggio all’ibrido.

Al debutto il prossimo autunno, la nuova Cayenne sarà inizialmente disponibile in cinque versioni: Cayenne S, Cayenne Turbo, Cayenne Diesel, Cayenne S Diesel e Cayenne S E-Hybrid2.

L’esterno si fa notare per le linee più slanciate e i profili meglio definiti. La griglia del frontale è più grande, il paraurti ridisegnato con più lame nelle prese d’aria e i parafanghi anteriori sono completamente rinnovati. Il marchio di fabbrica restano ancora i fari bi-xeno e le luci diurne a LED di serie nel modello base e nei modelli S (nella Turbo, i fari principali a LED includono il Porsche Dynamic Light System). Sul posteriore si notano il gruppo ottico di tipo tridimensionale con luci stop a quattro LED e i tratti leggermente più spigolosi, con il portellone aggiornato e i terminali di scarico integrati nel paraurti.

All’interno, la novità più interessante riguarda il posto di guida, dove troviamo il volante sportivo multifunzione di serie con comandi del cambio integrati. I sedili posteriori sono più confortevoli e disponibili anche in versione ventilata.

Ma il vero “pezzo forte” del SUV di Stoccarda è il motore, che grazie alla funzione “veleggiare”, alla funzione automatica Start-Stop Plus e alla ottimizzazione della gestione termica mediante interventi aerodinamici garantisce un aumento della potenza e al tempo stesso una riduzione dei consumi.

L’esempio più eclatante è dato dalla Cayenne S E-Hybrid, la prima a trazione ibrida plug-in nel segmento dei Premium, con un’autonomia esclusivamente elettrica da 18 a 36 km per una potenza di ben 95 CV e consumi nel ciclo combinato pari a 3,4 l/100 km (79 g/km CO2). La potenza combinata di 416 CV del V6 da 3,0 litri sovralimentato e del motore elettrico e la coppia massima di 590 Nm garantiscono prestazioni degne di un’auto sportiva: accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi e velocità massima di 243 km/h. Velocità che scende a 125 km/h con l’alimentazione elettrica, per un’autonomia che arriva a 36 km.

Il nuovo biturbo V6 da 3,6 litri della Cayenne S consuma da 9,5 a 9,8 l/100 km (223-229 g/km CO2) e sviluppa una potenza massima di 420 CV, con 550 Nm di coppia massima e scatto da 0 a 100 km/h in 5,5 secondi, mentre la velocità massima è di 259 km/h.

La Turbo, con cilindrata di 4,8 litri, 8 cilindri e sovralimentazione biturbo, sviluppa una potenza di 520 CV e raggiunge una coppia di 750 Nm tra 2.250 e 4.000 giri/min, accelerando da 0 a 100 km/h in soli 4,5 secondi, con velocità massima è di 279 km/h e consumi tra 11,2 e 11,5 l/100 km.

Quanto al gasolio, il V6 da tre litri della Cayenne Diesel sviluppa 250 CV a 4.000 giri/min e consuma tra 6,6 e 6,8 l/100 km, con una coppia di 580 Nm tra 1.750 e 2.500 giri/min, accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi e velocità massima è di 221 km/h.
La Cayenne S Diesel è spinta invece da un V8 da 4,2 litri che eroga 385 CV di potenza a 3.750 giri/min, con una coppia di 850 Nm tra 2.000 e 2.750 giri/min, scatto 0-100 km/h in 5,4 secondi e velocità massima di 252 km/h. In questo caso, i consumi sono pari a 8,0 l/100 km (209 g/km CO2).

L’arrivo dei nuovi modelli sul mercato è previsto per il prossimo 11 ottobre 2014, con prezzi che andranno dai 69.784 euro della versione Diesel ai 133.468 della Turbo.

Redazione