Italiani al volante: il primo “vizio” è il cellulare…

(foto Twitter)
(foto Twitter)

Sta troppo tempo attaccati al telefono, ignora l’uso dell’auricolare e del viva voce e dà facilmente in escandescenze.

Questo il ritratto dell’automobilista italiano abbozzato da Autoscout24, un portale specializzato in annunci di auto usate che ha condotto una ricerca su 30mila guidatori europei.

Più di 3 italiani su 10 ammettono di usare frequentemente il cellulare e, consapevoli di sbagliare, si definiscono “poco rispettosi” (a differenza di tedeschi, olandesi e belgi, che si considerano “prudenti”).

Quasi 6 italiani su 10, inoltre, si irritano con estrema facilità. Su questo versante sono superati solo da belgi, spagnoli e tedeschi (che guidano la classifica con 7 automobilisti “attaccabrighe” su 10), mentre gli olandesi sono in assoluti i guidatori più “tranquilli”.

In linea di massima, poi, gli automobilisti del Belpaese si dicono contrari ai limiti di velocità. Almeno in questo sono in linea con i colleghi tedeschi, secondo cui le “autobahn” dovrebbero restare senza limiti…

Redazione