Calzature al volante: il Codice della Strada non vieta ciabatte e infradito

foto dal web
foto dal web

 

 

E’ tempo di vacanze, caldo e spostamenti in auto verso mete turistiche e molti si pongono domande sull’uso di calzature durante la guida. Fino al 1992 era vietato indossare scarpe aperte tipo zoccoli e ciabatte, ma tale limitazione è stato eliminata, lasciando la scelta più opportuna al conducente.

Come si legge sul sito Poliziadistato.it “Tale limitazione è stata eliminata, lasciando al conducente la discrezionalità e l’apprezzamento di opportunità circa il tipo di scarpe da utilizzare durante la guida. Deve essere inoltre considerato lo sviluppo tecnologico che ha investito il settore della mobilità, con la realizzazione di veicoli particolarmente duttili all’azione di guida (riduzione della corsa del freno e della frizione, servo freno, riduzione dell’energia di pressione dell’acceleratore, ecc.), per cui il conducente, con leggere pressioni del piede – che non richiedono l’uso di calzari robusti e fermati al piede – ottiene risultati di guida molto efficaci. È sicuramente opportuno – conclude la nota della Polizia di Stato – un richiamo di attenzione sul problema dell’uso di calzature idonee ad una guida più agevole e meno esposta ai possibili rischi propri dell’uso di calzature aperte”.

 

Redazione