Bollo auto: bisogna portare la ricevuta di pagamento in auto?

alt-carabinieri

 

La tassa automobilistica, o bollo auto, precedentemente chiamata anche “tassa di circolazione”, è un tributo locale che grava sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana, il cui versamento è a favore della Regione di residenza. Ma il bollo auto va portato con sè nel veicolo?

Il sito della Polizia di Stato ci dà una definitiva delucidazione al riguardo: “Il contrassegno delle tasse automobilistiche (cd. bollo) non deve più essere esposto: peraltro, i bollettini di pagamento della tassa non recano più la parte con tale contrassegno, ma hanno solo la ricevuta del versamento che il proprietario del veicolo deve custodire per almeno tre anni (termine entro il quale la Regione può disporre accertamenti circa l’avvenuto pagamento della tassa). Il conducente del veicolo non deve avere al seguito tale ricevuta di pagamento – si legge sul sito della Polizia di Stato -, ma può essere invitato ad esibirla in un secondo momento”.

 

Redazione