ACI dichiara guerra alle auto storiche: norme più restrittive per bollo e assicurazione

(foto dal Web)
(foto dal Web)

 

 

Auto storiche troppo “inflazionate”, con effetti distorsivi sull’RC auto. A lanciare l’allarme è l’Automobile Club Italiano, che in un’audizione sui tributi della auto alla Commissione Finanze della Camera ha chiesto “norme più restrittive” per le iscrizioni al registro delle auto storiche, sostenendo che il fenomeno non è più di interesse collezionistico, ma a carattere speculativo, e che i 20 anni dall’immatricolazione non sono più sufficienti.

Secondo l’ACI, in Italia sono ben 4 milioni le auto circolanti con più di 20 anni di età, ma di queste solo 800.000 hanno i requisiti per essere considerate “storiche”, mentre circa 3,2 milioni (l’80% del totale) sono semplicemente vetuste, inquinanti e poco sicure. Di qui la richiesta di un piano di incentivi alla rottamazione di tutte quelle vetture che usufruiscono “indebitamente” delle sostanziose agevolazioni su bollo e assicurazione, con un danno per l’Erario stimato in 400 milioni.

Ma le associazioni di amatori e collezionisti sono già sul piede di guerra…

Redazione