MotoGP 2014: Marc Marquez a caccia di nuovi record

(foto Twitter)
(foto Twitter)

La prima metà di questa edizione del Motomondiale si chiuderà con il prossimo round della MotoGP al Sachsenring (11-13 Luglio), nono appuntamento del calendario 2014, con un finale che sembra già scritto, visto il domino incontrastato del Campione del Mondo Marc Marquez (Honda Repsol).

Nessuno finora è stato in grado di sottrarre al fenomeno spagnolo il primo gradino del podio: da Losail ad Austin, a Rio Hondo, Jerez, Le Mans, Mugello, Montmelò e Assen, a trionfare è stato sempre e solo Marquez, che oggi guida la classifica a punteggio pieno a quota 200 punti con 72 lunghezze di vantaggio sui più immediati inseguitori, il compagno di colori Dani Pedrosa e Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP).

Con l’ultimo successo nel GP d’Olanda, il 21enne di Cervera ha messo a segno la 13° vittoria in MotoGP su 26 gare disputate, e la 40° di tutta la sua carriera. Un degno rivale al momento non si vede: bisogna per forza andarlo a cercare tra le leggende del passato…

Conti alla mano, Marquez ha già superato in termini di vit­to­rie ini­zia­li consecu­ti­ve – grazie all’ottavo successo consecutivo nel Dutch TT – due mostri sacri delle due ruote come i britannici Mike Hailwood e John Surtees, che in carriera si erano fermati a sette (rispettivamente nel 1965 e nel 1959). Marquez ha inoltre segnato il nuovo record per quanto riguarda l’era delle Mo­toGP, “polverizzando” le 7 vittorie di fila messe a segno da Va­len­ti­no Rossi nel 2002, quando il Dottore era ancora in forza alla Honda.

Il nuovo “bersaglio” è ora Giacomo Agostini, che in tre occasioni consecutive stabilì il primato di 10 vittorie consecutive (dal 1968 al 1970), seguito poi da Mick Doo­han, che completò la sua “serie” nel 1997.

Se le premesse sono queste, l’esito della sfida è già scontato…

Redazione