MotoGP 2014: ‘botta e risposta’ Crutchlow-Ducati, c’è aria di divorzio

(foto Twitter)
(foto Twitter)

 

 

“E’ Gigi Dall’Igna che prende le decisioni per la moto del prossimo anno. Ma in questo momento non vedo alcun interesse reale per il 2015. Per ora mi limito a pensare alla stagione in corso” perché “per un pilota conta solo la prossima gara” e “dobbiamo ottenere dei risultati adesso, ma non ci sono…”. Cal Crutchlow è molto deluso da questa prima metà di stagione e, a colloquio con i colleghi di Speedweek, lascia pochi dubbi riguardo alla possibilità che alla fine dell’anno abbandoni la Ducati…

“La mia posizione – spiega – non è cambiata. Quando sono arrivato in Ducati, volevo scrivere la storia del marchio. Volevo coronare la mia carriera nella MotoGP in un team ufficiale. Volevo sfidare tutti i concorrenti. Ma la moto non è abbastanza competitiva per mettere in atto questi propositi”.

“Fino all’autunno scorso – prosegue – la mia carriera è stata sempre in ascesa. Ora non è così. Dunque devo prendere una decisione sul futuro. Per il momento non posso dire niente”.

La risposta di Paolo Ciabatti, direttore del progetto MotoGP di Ducati, non si è fatta attendere: “I suoi risultati non sono in linea né con le nostre, né con le sue aspettative. Tuttavia, continuiamo a sostenerlo al 100 per cento. Ora deve fare una scelta. La decisione sarà presa entro luglio, ma non posso indicare una data precisa. Penso che troveremo una buona soluzione con i piloti, a meno che Cal non opti veramente per un altro team…”.

Redazione