MotoGP Catalunya, Valentino Rossi: “Quando ero dietro a Marquez…”

Valentino Rossi davanti a Marc Marquez (Getty Images)
Valentino Rossi davanti a Marc Marquez (Getty Images)

 

 

Il secondo piazzamento di Valentino Rossi al Gp di Catalunya è stato quasi un regalo di Dani Pedrosa che, all’ultimo giro, ha commesso un errore che ha regalato una posizione al Dottore. Ma il pilota Yamaha ha lottato dal primo all’ultimo giro strameritando il secondo gradino dell podio.

 

“Quando ero dietro a Marquez, avevo deciso di riprovare ad attaccarlo, ma proprio quando pensavo di provarci, Pedrosa mi ha infilato e a quel punto non sono più riuscito a tenere il ritmo – ha spiegato Valentino -. Marc, in questo momento, riesce sempre ad arrivare davanti, è forte e lucido negli ultimi giri: bisogna provare a dargli più fastidio”.

Eppure il Dottore non aveva brillato nelle prove libere e nelle qualifiche, colpa anche di un cattivo feeling con l’anteriore della M1: “Assieme a Silvano (Galbusera, ndr) e alla squadra abbiamo studiato i dati, abbiamo fatto una modifica al davanti della M1 e mi sono trovato subito meglio: nel warm up ho fatto un piccolo errore e sono caduto all’ultimo giro, ma avevo capito di poter essere competitivo. E’ stata la gara più bella della stagione, mi sono divertito moltissimo: la modifica fatta alla Yamaha è stata fondamentale e anche il calo di temperatura ci ha dato una mano”.

Fatto sta che le gare si stanno decidendo sempre all’ultimo giro regalando spettacolo e suspance agli appassionati: “Quest’anno, rispetto alle ultime stagioni, le gare sono veramente belle, tante si sono decise solo all’ultimo giro – ha sottolineato il campione di Tavullia -: non so esattamente perché, però è così ed è una figata, dà proprio gusto. Negli ultimi anni le gare erano abbastanza noiose, mentre adesso sono divertenti: questo è stato il GP più bello”, ha concluso Valentino Rossi.

 

 

Redazione