Cooper SD 2.0 diesel e One First 1.2 benzina: le due “facce” della nuova Mini

(foto Twitter)
(foto Twitter)

La Mini si rinnova con due motori lontani anni luce per alimentazione e cilindrata, ma entrambi concepiti all’insegna della massima efficienza: il quattro cilindri 2.0 diesel 170 cv e il tre cilindri 1.2 benzina turbo 75 cv, abbinati rispettivamente alla Mini Cooper SD e alla Mini One First.

Il propulsore della Cooper SD è il più potente di sempre per una Mini, con una coppia massima di 360 Nm a 1.500 giri. Garantisce un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 7″3, per un consumo medio è di 4,0-4,1 litri per 100 km (circa 25 km/litro) ed emissioni CO2 di 110 g/km.

Per il milledue della One First, invece, la coppia massima è di 150 Nm a 1.400 giri e lo 0-100 km/h si raggiunge in 12″8, con consumi medi di 5,0-5,2 litri per 100 km (20 km/litro) ed emissioni di CO2 che oscillano tra i 117 e i 122 g/km.

Redazione