F1 Ferrari, Fernando Alonso: “Nessun cambiamento con Mattiacci, è ancora inesperto”

Fernando Alonso (getty images)
Fernando Alonso (getty images)

 

 

Sul circuito di Monte Carlo il pilota può fare la differenza e in casa Ferrari si punta tutto su Fernando Alonso per cercare di salire sul podio. In un Mondiale praticamente dominato dalle Mercedes piazzarsi nelle prime tre posizioni sembra quasi un’utopia per i bolidi di Maranello, sebbene i tecnici abbiano studiato alcune modifiche per la F14 T.

“Abbiamo più di un problema in questo momento, ma è chiaro che sarebbe molto positivo avere una buona trazione qui – ha dichiarato Fernando Alonso sul sito ferrari.com -. Anche senza avere una trazione da primato, qui a Monaco negli anni scorsi siamo riusciti a fare bene ottenendo anche dei podi”.

Il tracciato di Monte Carlo potrebbe rimescolare le carte e gli equilibri grazie alla sua speciale ‘morfologia’. Un’occasione da non perdere per le Rosse di Maranello: “Su questa pista è più importante trovare un assetto che ti dia grande confidenza con la vettura tra le barriere che avere un aggiornamento che ti regala qualche decimo di secondo – ha proseguito il pilota spagnolo -. Monaco certamente offre uno scenario differente e può dare vita a una gara che sia un po’ più aperta rispetto alle altre gare in cui il dominio Mercedes è stato netto. Detto questo, il loro resta il team favorito anche per questa corsa – ha aggiunto Alonso – perché anche se le prestazioni assolute delle vetture qui sono meno importanti, avere una buona monoposto resta un punto fondamentale. Questa pista, però, può riservare sorprese”.

 

Ma l’addio di Stefano Domenicali e l’arrivo di Marco Mattiacci non hanno portato grandi svolte nella scuderia di Maranello: “Se devo essere onesto non ho visto grandi cambiamenti e non penso che ne vedremo nel breve termine – ha spiegato Alonso in un’intervista ad Autosport -. Sta ancora studiando il team, l’ambiente della F1 e i weekend di gara. Ci sono moltissimi aspetti che deve imparare prima di poter prendere delle decisioni… Nell’ultimo mese è rimasto tutto più o meno uguale e questo perché Marco manca ancora di esperienza”.

 

Redazione