Il ‘galateo’ del motociclista, 6 gesti da conoscere e usare (Guarda Foto)

foto dal web
foto dal web

 

 

1. SALUTA!

Salutare gli altri motociclisti che incontrate lungo per il percorso è una regola universale di bon ton: basta sporgere leggermente il braccio dal manubrio e mostrare il dito indice o l’indice e medio a V (anche per ricambiare il saluto). Per salutare il motociclista che state sorpassando (o affiancando sulla stessa corsia) è meglio invece allargare il piede destro, per non lasciare la manopola del gas.

 

2. RALLENTA!

Per consigliare a un altro motociclista di rallentare (nel caso di una colonna, di un mezzo in panne sulla strada o di un controllo della polizia), aprite il palmo della mano sinistra e muovetelo su e giù (tenendo il braccio abbassato). E’ un segnale che va sempre preso sul serio!

 

3. FERMA AL DISTRIBUTORE!

Se viaggiate in compagnia di altri motociclisti e vi ritrovate a corto di benzina, accostatevi a un’altra moto e portate la mano sinistra sopra il serbatoio con le dita a pistola, indicando il tappo del carburante: così capiranno che alla prossima stazione dovranno fermarsi con noi.

 

4. FACCIAMO UNA SOSTA!

Se desiderate fermarvi per mangiare, portate la mano sinistra verso la bocca con i polpastrelli congiunti. Se invece avete sete, alzate il pollice della mano sinistra (come se steste facendo “ok”) e portatelo verso la bocca. Se volete fare una pausa caffè, infine, portate indice e pollice congiunti verso la bocca a simulare la tazzina di espresso.

 

5. OCCHIO ALLA STRADA!

Per indicare alle persone che incrociate o che vi seguono in gruppo un eventuale ostacolo da aggirare lungo il percorso (chiazza d’acqua, detriti, buche) basta puntare il dito della mano sinistra verso la strada: chi vi segue capirà subito che c’è un pericolo e che deve tenere gli occhi aperti.

 

6. SORPASSA!

Se state procedendo piano e avete un’altra moto al seguito, mettetevi al lato della carreggiata e allargate la mano sinistra aperta, muovendola avanti e indietro. Il motociclista che vi segue può ricambiare la gentilezza alzando la gamba per un saluto.