Dormire in auto è reato, negli Usa si rischia l’arresto

foto dal web
foto dal web

 

 

E’ un crimine dormire in una macchina parcheggiata. Diverse città degli Stati Uniti stanno approvando severi leggi contro i senzatetto. Sono decine le città americane che hanno deciso di fare la guerra a chi non ha un rifugio per la notte. La povertà è in rapida ascesa a Los Angeles – nota come la “capitale americana dei senzatetto e Palo Alto. Qui si concentrano le ordinanze anti-homeless.

A Los Angeles tra il 2011 e il 2013 il numero di senzatetto è aumentato del 67 per cento e i rifugi sono sempre pieni. A Palo Alto, nella Silicon Valley californiana, il 92 per cento degli homeless rimane senza riparo. Quasi tutti i senzatetto degli Stati Uniti iniziano a diventarlo con la perdita del lavoro e lo sfratto per il mancato pagamento dell’affitto. Le liste per ottenere i sussidi sono lunghissime ed il sostegno è comunque minimo. Il costo dell’affitto è aumentato vertiginosamente negli ultimi due anni. Alla maggior parte degli americani ridotti in povertà restano due alternative: un letto in una comunità o l’ auto.

Le recenti ordinanze stanno trasformando la necessità in un reato. Chi viene colto in flagranza, rischia l’arresto, il sequestro del veicolo o una salatissima multa. Le persone che dormono in auto cercano i parcheggi notturni, per essere meno visibili. Ma Palo Alto e Los Angeles vietano alle auto di parcheggiare nelle aree commerciali dalle 2 alle 5 di notte. Molte città hanno deciso di abolire le toilette pubbliche per paura che questo possa attirare gli homeless. Una tendenza che ha lasciato intere regioni senza servizi pubblici.

Il 90 per cento dei democratici e il 45 per cento dei repubblicani chiedono al governo e alle amministrazioni locali politiche attive per ridurre il divario tra ricchi e poveri, per ora senza successo alcuno.

 

Redazione