BMW, nel futuro fari a laser e OLED: luci abbaglianti fino a 600 metri

foto Twitter
foto Twitter

 

 

BMW sta sviluppando nuovi dispositivi di illuminazione per le proprie auto. L’azienda tedesca sembra concentrarsi sulla tecnologia Organic Light,detta anche OLED destinata ad implementare nei prossimi tre anni le luci posteriori dei propri veicoli. L’illuminazione ne risulterà più chiara ed omogenea con un notevole impatto in termini di riduzione dei consumi. Il minor ingombro dei fari permetterà una più ampia personalizzazione delle forme.

Le novità da parte della casa bavarese riguardano inoltre le luci 3D flessibili al momento progettata per le luci di posizione e luci basate su diodi laser per i fari anteriori che faranno il oro esordio già con i modelli dell’autunno 2014. Questi dispositivi in particolare garantiranno un’intensità luminosa superiore di dieci volte rispetto alla luce alogena, allo xeno e al LED con gli abbaglianti che riusciranno a coprire distanze fino a 600 metri, mediante un processo di trasformazione che modifica i raggi blu in luce bianca non fastidiosa per i conducenti provenienti dalla direzione opposta. Anche in questo caso il copro luce necessiterà di un alloggiamento ridotto, con rilevanti i vantaggi in termini di assorbimento dell’energia.

Un primo esempio di fari a laser è rappresentato dal dispositivo di illuminazione della BMW i8 con la la superficie di uscita cento volte più piccola di quella di un diodo luminoso tradizionale. Di conseguenza si riduce notevolmente il riflettore necessario per l’emissione della luce laser. Le conseguenze, in questo caso, sono un minore ingombro e un minor impatto in termini di peso.

 

Redazione