Alfa Romeo RL TF: auto da corsa del 1924 all’asta, prezzo da record

foto dal web
foto dal web

 

 

Dopo oltre quarant’anni dall’ultimo passaggio di proprietà l’Alfa Romeo RL TF del 1924, una delle vetture più rare e importanti della casa milanese, sarà messa in vendita dalla Kidston di Ginevra. L’auto è l’ultima rimasta delle quattro Alfa che nel 1924 parteciparono alla 15^ Targa Florio, competizione stradale siciliana vinta dalla Mercedes di Christian Werner.

L’Alfa guidata dal cavaliere Giuseppe Campari, giunse quarta a soli 14 minuti dalla vincitrice dopo una gara di 6 ore e 46 minuti. Alla Florio l’Alfa si era presentata con quattro RL, due con motore 2.994 cc – guidate da Campari e Louis Wagner – altre due con motore di 3.620 cc guidate da Antonio Ascari e dal conte Giulio Masetti. Quest’ultimo arrivò in seconda posizione. Wagner fu nono. L’Alfa di Ascari dovette ritirarsi a pochi metri dal traguardo quando la vittoria sembrava certa. La Targa Florio rimase l’unica della classiche che Giuseppe Campari non riuscì a conquistare, nonostante tredici partecipazioni, fino alla sua tragica scomparsa nell’incidente all’Autodromo di Monza del 1933.

Dopo la Targa Florio del 1924 l’auto era stata venduta all’inglese L.G. Styles, primo importatore dell’Alfa in Gran Bretagna. L’auto viene successivamente ceduta più volte fino a quando, alla fine degli anni 50, divenne proprietà di Michael Crowley-Milling, scienziato, che nel 1966 la cedette al conte Giovanni Lurani. Quest’ultimo affidava la vettura alla Carrozzeria Riva di Merate, in provincia di Como, per riportarla allo stato in cui era nel 1924 durante la Florio. Il conte è scomparso nel 1995.

L’Alfa, perfettamente restaurata, è passata agli eredi. Kidston non fornisce dettagli sul prezzo di vendita. Certo l’auto è unica e dal valore storico inestimabile: Enzo Ferrari partecipò come pilota alla Florio del 1923 guidando un’Alfa RL analoga a quella che, l’anno successivo fu di Giuseppe Campari. La vendita, che avverrà per trattativa privata, potrebbe far registrare un record tra le vendite di auto storiche.

 

Redazione