Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

 

 

Sul circuito di Phillip Island Jorge Lorenzo ha conquistato tre volte su tre il miglior crono, portando a termine un grande lavoro sull’adattamento della Yamaha M1 alle nuove gomme Bridgestone, che a Sepang hanno dato non pochi problemi.

 

“Ho fatto la simulazione di gara, anche se la gomma che ho usato non era perfetta rispetto a quella standard – ha spiegato il maiorchino a Motorcycle News – e il grip sul bordo era inferiore, in particolare sul lato destro. Mi auguro che la Bridgestone capisca quale sia la migliore gomma per la gara, adesso ha molte informazioni. Sul lato sinistro della gomma posteriore c’era un buon grip ed era molto costante, mentre sulla destra la gomma era molto rovinata e ho avuto un sacco di problemi nelle curve destrorse”.

 

“Il pneumatico standard è il migliore per fare il tempo sul giro – ha proseguito Lorenzo -, ha il miglior grip su entrambi i lati, con molta più trazione, ma non riesce a finire la gara. Dall’esterno questo non si nota, ma la Bridgestone ha detto che è deteriorato all’interno e non ho fatto più di sei giri di fila con questo pneumatico”.

 

Redazione