Jeremy Burgess (getty images)
Jeremy Burgess (getty images)

 

 

La notizia era nell’aria da tempo ma, in occasione dell’ultima tappa del Motomondiale a Valencia, Valentino Rossi annuncia ufficialmente la separazione dal suo storico capotecnico Jeremy Burgess. Dal 2000 ad oggi il pesarese e il tecnico australiano hanno condiviso stagioni storiche e indimenticabili, ma per il Dottore è tempo di rivoluzioni in vista del 2014, perchè l’obiettivo è proseguire la carriera in MotoGp fino al 2016.

“Sono arrivato alla conclusione che era il momento di cambiare e il prossimo anno avrò un altro capotecnico”, ha dichiarato Valentino in un’intervista riportata da Mediaset Sport.  “Non so ancora chi prenderà il suo posto, abbiamo qualche idea… Nelle ultima gare – ha aggiunto il campione di Tavullia – ho pensato che volevo lavorare un po’ diversamente e oggi l’ho comunicato a Jerry”.

 

Come ha reagito Jeremy Burgess? “E’ dispiaciuto – ha confessato Rossi -. Avrebbe voluto continuare un altro anno, ma questo è un altro motivo che mi ha portato qui perché io vorrei fare altri due anni dopo il prossimo, lui no. Se è troppo tardi? Diciamo che per me è stata una scelta molto difficile. La Yamaha me l’aveva chiesto due mesi fa”.

 

Redazione