Marc Marquez (Getty images)
Marc Marquez (Getty images)

order essay

L'errore del team Honda e di Marc Marquez potrebbe costare molto caro in chiave iridata, ma nelle prossime due gare assisteremo di certo ad un testa a testa spettacolare fra il rookie spagnolo e Jorge Lorenzo, che in classifica piloti ora dista 18 lunghezze.

Ai box si assumono la responsabilità del grave errore: “Un errore può succedere, anche ad una squadra che ha fatto così bene per gran parte della stagione – ha ammesso Livio Suppo, team manager di Honda HRC, in un'intervista riportata da Mediaset Sport -. E' stato un errore di interpretazione, sui giri percorsi da Marquez. Era la prima volta che il 'flag to flag' aveva una finestra ben precisa, ma non lo abbiamo gestito bene. Marquez ha solo seguito le indicazioni arrivate del team. Si vince e si perde insieme”, ha concluso Livio Suppo.

Marquez accusa la botta, ma non si perde d'animo, dicendosi pronto allo sprint finale: “Avevamo capito di poterci fermare anche alla fine del giro numero 10, senza considerare che l'undicesimo sarebbe iniziato nella corsia box – ha ammesso Marquez -. Mi sono fidato delle segnalazioni, quando ho visto la tabella. Diciamo che abbiamo fatto confusione, quando abbiamo deciso con il team… Adesso la lotta per il mondiale è più difficile – ha aggiunto -, ma non cambierò il mio stile per questo”.

Redazione

zp8497586rq