F1 2011 – Dopo la misteriosa visita nei paddock della Red Bull e l’uscita di pista dopo un contatto con Jenson Button, Lewis Hamilton torna a far parlare di sè. Un portavoce della scuderia McLaren fa sapere che “né Lewis né il suo team di gestione hanno avuto alcuna discussione in merito al fatto che Lewis possa trasferirsi in un altro team. Lui è felice alla McLaren, ed è positivo che possa ancora avere voce in capitolo per vincere il campionato del mondo quest’anno”. Ma a quanto pare il malumore del pilota inglese viene celato e tenuto in sordina, specie dopo il rimprovero subito dal capo della scuderia, Ron Dennis, che lo ha accusato di una manovra azzardata ai danni del compagno Jenson Button e che avrebbe potuto compromettere la gara di entrambi i piloti.

E per il pilota inglese di colore le opzioni possibili sarebbero due: infatti all’orizzonte non c’è solo il team Red Bull, ma anche quello della Ferrari. In entrambi i casi, però, Hamilton andrebbe ad occupare una “seconda guida”, in quanto sia Vettel che Alonso hanno il “diritto di precedenza”. Comunque sia il suo contratto lo lega alla McLaren fino al termine del 2012 e pare che l’inglese voglia rispettarlo. Salvo improvvisi colpi di scena…

l.c.