MotoGp 2011: Jorge Lorenzo e Ben Spies ripartono dal Gp di Assen

MOTOGP 2011 – Gp di Silverstone tutto da dimenticare per l’ex team di Valentino Rossi, il Yamaha Factory Racing, che ha visto entrambi i piloti Lorenzo e Spies costretti a ritirarsi prima di giungere alla bandiera a scacchi. Partiti dalla terza e quarta piazza il campione in carica Jorge Lorenzo è entrato troppo veloce in curva ed è caduto, anche a causa dell’asfalto bagnato, rovinando irreparabilmente la sua YZR-M1: “Sono deluso: sono caduto per colpa mia. E’ un peccato per il team perché ha fatto un ottimo lavoro per tutto il weekend e anche per il mio Fan Club che è venuto fino qui a sostenermi. Stavo guidando in sicurezza, ero terzo e stavo studiando il momento giusto per superare Dovizioso, perché sapevo che avrei potuto lottare per la vittoria con Casey. Temevo che Casey se ne andasse via e a quel punto dovevo assolutamente superare Andrea… poi sono caduto! Prima di questa gara Casey mi stava inseguendo come un levriero insegue una lepre, ma ora, purtroppo, la situazione si è capovolta. Non rimane che andare ad Assen e vincere. Intanto mi voglio congratulare con Colin; è stato un buon weekend per lui, meritava il podio dopo la gara mancata della scorsa settimana…”.

Giornata storta anche per l’americano Ben Spies, anch’egli scivolato in pista e costretto al ritiro quando era al quinto posto: “E’ stato un fine settimana difficile per tutti i ragazzi a causa dei continui cambiamenti delle condizioni meteo ma eravamo pronti a correre con una messa a punto davvero buona. La pista era molto bagnata in coincidenza della prima curva e, quando me ne sono accorto, ero già a terra. Sono caduto senza neanche accorgermene e ho colpito il muretto di fronte. Ho battuto la schiena ma fortunatamente la mia protezione ha fatto molto bene il suo lavoro. Effettivamente sento un po’ di male… dovrò sedermi su un cuscino per qualche giorno ma sono contento che le conseguenze non siano state serie. Prenderò un paio di giorni per rilassarsi e per recuperare. Poi tornerò a lottare ad Assen“.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here