Formula 1 2011: Lewis Hamilton e Felipe Massa fanno pace dopo incidente Gp Monaco

FORMULA 1 2011 – La Fia ha deciso di intraprendere azioni disciplinari ai danni di Lewis Hamilton che, nell’ultimo Gran Premio di Monaco, ha causato gli incidenti di Massa e Maldonado. Dopo essere stato penalizzato in gara per la manovra scorretta contro Maldonado, il pilota inglese aveva accusato di razzismo i commissari di gara, dichiarazioni a cui sono seguite le sue scuse e ritrattazioni. Per quanto riguarda il danno causato a Felipe Massa non ha pagato con nessuna penalizzazione, ma Jean Todt precisa che l’episodio non avrà ulteriori conseguenze dato che i due driver del Circus si sono chiariti lontani dai riflettori: “Io non amo la pubblicità, abbiamo tenuto la faccenda lontano dai riflettori. E’ una questione tra lui e la FIA. Avrei potuto chiedere l’intervento della nostra corte giudiziaria per risolvere il problema, ma non abbiamo mai aperto ufficialmente il caso. Per fortuna dopo le sue frasi è andato dagli steward di Monaco a chiedere scusa dopo. E’ andato con suo padre e ha spiegato le sue ragioni. Forse sarebbe stata una decisione migliore metterlo davanti ai giudici e farlo condannare: per lui il divieto di gareggiare per sei Gran Premi. Ma lui mi ha scritto, mi ha spiegato, si è giustificato, e io gli ho risposto: la cosa è finita bene per tutti”.

Lo stesso ferrarista brasiliano ci ha messo una pietra sopra e archivia il caso: “Tutto ciò che ho detto su Lewis dopo la gara di Monaco era quello che provavo in quel momento. Successivamente mi ha chiamato e mi ha chiesto ‘scusa’: la cosa più importante è che ha capito quanto aveva fatto in pista. La questione è chiusa. Adesso dobbiamo guardare avanti perchè non si guadagna niente nel volgere lo sguardo alle spalle. A Monaco non sono stato in grado di finire la gara o di raccogliere punti, ma è ormai passato: adesso guardiamo avanti”.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here