Formula 1 2011 – Jarno Trulli: “Il Canada è sempre stata una gara strana per me”

FORMULA 1 2011 – Jarno Trulli, pilota marchigiano del team Lotus, dopo la tredicesima piazza ottenuta al Gp di Monaco 2011 tenterà di fare meglio al prossimo Gran Premio di Montreal. Dalla scuderia inglese, inoltre, è in arrivo un nuovo pacchetto aerodinamico testato negli scorsi giorni in galleria del vento, segno che i tecnici della Lotus sono in continua progressione nonostante i pessimi risultati generali. Il pilota pescarese è fiducioso circa le innovazioni che miglioreranno le prestazioni della sua monoposto: “A Monaco il risultato finale è stato grande per tutta la squadra. Mi sono divertito in pista e penso che le prestazioni che abbiamo ottenuto in Costa Azzurra e in Spagna dimostrano che stiamo progredendo, stiamo andando esattamente nella direzione giusta. Il Canada è sempre stata un po’ una gara strana per me. Io amo il Canada e soprattutto Montreal, la pista è grande, una vera sfida, la gente è molto accogliente e la città è quella miscela tra Europa e Nord America, ma la gara è sempre stata dura per me, in passato ho sempre sofferto con la fortuna”.

La gara sarà basata soprattuto sui freni, che richiederanno un ottimo raffreddamento oltre che una sostenuta stabilità, senza però dimenticare la strategia gomme, fondamentali in questo Circus 2011: “Come circuito temporaneo – continua Jarno Trulli – la prima sfida è quella con la superficie della pista. L’asfalto migliora in tutto il fine settimana, ma con la costante minaccia dei muretti è fondamentale non fare errori e l’esperienza è generalmente legata al fatto di evitarli. Il giro è molto rapido ed è una delle più difficili piste della stagione per i freni, in modo che il raffreddamento e la stabilità in frenata svolgono entrambi un ruolo importante, soprattutto in gara. Sarà interessante vedere come le strategie di pneumatici influiranno sulla gara e speriamo di trarre anche noi un vantaggio”.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here