Formula1: Sebastian Vettel e Jenson Button lanciano allarme sicurezza dopo incidenti del Gp Monaco 2011

FORMULA1 – Dopo gli ultimi incidenti registratisi nell’ultimo Gran Premio di Monaco e i ricoveri di Sergio Perez e Vitaly Petrov in ospedale, fortunatamente senza gravi conseguenze, Jenson Button e Sebastian Vettel si alleano per migliorare la sicurezza in Formula Uno

Più volte il campione iridato della Red Bull si è proposto come “sindacalista” dei piloti del Circus e anche stavolta non ha mancato di lanciare un avvertimento agli addetti ai lavori: “Corse come questa sono un po’ un campanello d’allarme quindi dobbiamo assicurarci di prendere ulteriori provvedimenti. Per il futuro, a Montecarlo o in posti come Singapore sarà necessario ridiscutere della sicurezza: è il nostro lavoro, dobbiamo proteggere la nostra vita e abbiamo bisogno di discutere in merito a protezioni e vie di fuga. Questo dovrebbe essere l’obiettivo”.

Il collega e rivale della McLaren, Jenson Button, si accorda alle parole di Vettel, e l’incidente di Perez tanto gli ricorda quello da lui subito nel 2003: “E’ avvenuto in una zona in cui è molto difficile fare qualcosa in termini di sicurezza, perché è quello di Monaco è un circuito cittadino. Continuo a pensare che dobbiamo guardare più a ciò che dovremmo fare. Ci sono stati miglioramenti – continua Button – , ma abbiamo bisogno di trovare una soluzione definitiva per la sicurezza. La F1 è uno sport pericoloso, ma credo che abbiamo bisogno di fare piccoli aggiustamenti in alcuni punti delle piste”.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here