F1, Indy e Wrc: un weekend ricco di eventi

Dan Wheldon, Bryan Herta Autosport. Fonte: Infosport.onsugar.com

NON SOLO F1 – Quello passato è stato un weekend ricco di eventi motoristici.

Oltre al Gran Premio di Formula 1 più glamour dell’anno, che ha visto trionfare Sebastian Vettel sulle stradine tortuose del Principato di Monaco, gli appassionati italiani degli sport a quattro ruote hanno potuto ammirare in diretta su Sky la 500 miglia di Indianapolis.

Duecento giri di pura adrenalina, con un pubblico sulle gradinate che si aggirava attorno alle quattrocentomila persone e sorprese a non finire nell’ovale più conosciuto al mondo: la centesima edizione della storica gara americana ha regalato la vittoria all’inglese Dan Wheldon, che corre per la scuderia dell’amico Bryan Herta, quando ormai tutti davano per scontato il primo posto di un ottimo Hildebrand.

L’inesperienza di questo rookie è venuta fuori proprio nel momento meno adatto: all’ultima curva dell’ultimo giro, il pilota della Panther Racing ha esagerato in agonismo e, invece di attendere pazientemente l’arrivo sotto la bandiera a scacchi, ha voluto strafare superando un doppiato, per paura di essere raggiunto da Wheldon; così, è uscito dalla traiettoria andando a toccare all’esterno la zona più sporca del tracciato. I trucioli di gomma bruciata, però, si sa, non perdonano e Hildebrand è andato a sbattere violentemente contro il muretto esterno. La velocità della vettura era tale che il pilota è arrivato comunque al traguardo, ma Wheldon ne aveva già approfittato, acciuffando in extremis la prima posizione: delusione per Hildebrand e incredulità per Wheldon, alla sua seconda vittoria su questa pista.

Altro evento oltre oceanico dello scorso fine settimana è stato il Rally di Argentina, in cui il pluricampione del mondo Sebastien Loeb è riuscito a conquistare la vittoria ai danni di Hirvonen e Orgier, nonostante avesse subito una penalità di un minuto nella prima giornata di prove per un check-in effettuato troppo in anticipo. Il francese è stato bravo a recuperare prima sul finlandese a suon di tempi e alla fine, grazie ad un problema tecnico occorso a Orgier, ad ottenere il suo sessantacinquesimo successo in un rally valido per il WRC.

“Non pensavo di poter lottare per la vittoria, è stata una bella sorpresa per me”, ha dichiarato Loeb al termine, “l’importante era non perdere punti e mantenere la testa del campionato”.

Una curiosità: l’ex ferrarista Kimi Raikkonen non era in Argentina, avendo inserito nel suo calendario soltanto dieci appuntamenti del Mondiale, ma si trovava negli Stati Uniti – e , più precisamente, nell’autodromo di Charlotte, in Georgia – per fare il suo debutto nella categoria Nationwide della Nascar. Il finlandese Campione del Mondo di Formula 1 nel 2007 è arrivato ventisettesimo, risultato deludente dopo la buona prova nella Truck Series della settimana precedente sullo stesso ovale.

Raikkonen, che non ha ancora deciso nulla sul suo futuro, ha dichiarato che farà fede ai suoi impegni nel WRC e, appena possibile, si metterà ancora alla prova nella Nascar, probabilmente anche nella categoria regina, la Sprint Cup.

Alessia Anselmo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here