Bmw X5 & Alan Smith: il centrocampista del Newcastle sceglie super-Suv tedesco

BMW X5 & ALAN SMITH – I Suv sono un ottimo mezzo per dare lustro agli investimenti dei calciatori europei e non. Uno di questi è Alan Smith, attaccante inglese, che possiede una Bmw X5.

La Bmw X5 è il Suv di grosso taglio della casa automobilistica tedesca. Questo viene prodotto dal 1999 e ha subito negli anni numerose innovazioni sia tecniche che nel design. Il motore montato è un V8 a benzina con una cilindrata pari a 4398 cc. I cavalli erogati sono 2786 e la portono a una velocità massima di 206 km/h con la possibilità di passare da 0 a 100 in soli 7.5 secondi.

Successivamente ne sono stati realizzati diversi modelli, anche più potenti nel motore e nella cilindrata. Un Suv di grossa taglia che fa delle prestazioni un importante marchio di fabbrica. Ne esistono anche altre due versioni più commerciali e meno lussuose: la X3 e la X1. La Bmw ha pensato in grande e l’ha fatto per tutti.

A possederla sono molti calciatori, quello trattato oggi è Alan Smith. L’attaccante inglese è cresciuto nelle giovanili del Leeds United dove ha debuttato ad alto livello. Con la squadra di Leeds 172 presenze e 38 reti realizzate. Gli sono valse la prima convocazione in Nazionale dove ha giocato 19 volte e segnato anche un goal. Oltre a un buon passato con la maglia dell’Under 21.

Poi il salto di qualità e il sogno di vestire la maglia del Manchester United, con il quale ha giocato 61 volte e segnato 7 volte. Anche la possibilità di giocare e segnare nella notte incredibile dell’Old Trafford quando il Manchester fece 7 goal alla Roma dell’allor Luciano Spalletti. Poi il passaggio al Newcastle e il ritorno alla vita normale con una maglia diversa. L’arretramento a centrocampo e le 76 presenze senza l’ombra di una rete.

Alan Smith è un ottimo esterno in grado di giocare sia in attacco che a centrocampo. Fa della velocità la sua arma più importante, un po’ come il suo Bmw X5 che è uno dei Suv sicuramente dalle prestazioni più importanti sul mercato.

Matteo Fantozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here