Azimut Benetti & Marcello Lippi: all’ex tecnico di Nazionale e Juventus piace la vita di mare a bordo di yacht lussuosi

MARCELLO LIPPI & AZIMUT BENETTI –
Che avesse la passione per le barche lo sapevano in tanti, ma che possedesse un Azimut Benetti non era noto. Marcello Lippi è proprietario di uno yacht d’eccezione, che piace molto agli uomini ricchi e famosi.

Marcello Lippi

In passato il tecnico ha dichiarato di amare la barca e la vita di mare, spesso poi nei momenti in cui non siede sulla panchina ha deciso di dedicarsi a questo suo hobby.

L’Azimut Benetti è costato all’allenatore sui due milioni di euro dai quali però va considerato un piccolo sconto fatto dalla casa nautica. Modello 62 Evolution è lunga circa 15 metri e di grande eleganza sia negli interni che nel design. Ha due motori da 575 cavalli in grado di fargli raggiungere i 31 nodi, la così detta andatura da crociera. Una barca da far invidia ai vip che spesso hanno deciso di passare dalle automobili di lusso ai confortevoli yacht.

Marcello Lippi ha quindi sviluppato questa passione, ora che sulle panchine di calcio ha deciso di starci di meno. Il tecnico ha iniziato la sua carriera da tecnico nel 1985 al Pontedera, dopo aver giocato con discreti risultati. L’exploit nella prima parte degli anni ’90 quando giocava con Atalanta e Napoli. Ma il boom arriva con la chiamata da parte della Juventus della triade Moggi, Giraudo e Bettega.Tanti successi culminati nella notte di Roma del maggio 1996 con la conquista dell’ultima, tuttora, Champions League dei bianconeri.

Nel 1999 la decisione difficile di lasciare, dopo una terribile sconfitta in febbraio contro il Parma, e passare a fine anno all’Inter. In nerazzurro tante delusioni e il ritorno dopo solo 2 anni a Torino. Nella Juventus 2 è il protagonista di altri due scudetti, quelli di Nedved e Buffon che rilanciano i bianconeri, ma anche la notte terribile di Manchester dove perse la finale di Champions contro il Milan.

Azimut Benetti

Il gioiello arriva però nel 2006 quando Lippi alla guida della Nazionale riporta un Mondiale che mancava dal 1982. Gli azzurri, dati per sfavoriti, mostrano un grande calcio e vincono a mani basse. Il tecnico è stato poi richiamato sempre dall’Italia per il Mondiale 2010, ottenendo stavolta però una misera figura uscendo nei gironi eliminatori. E’ ora disoccupato, ma continua a rifiutare offerte per godersi le sue giornate a bordo del suo lussuoso yacht. A meno che un giorno la Juventus…

Matteo Fantozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here