MotoGp 2011: Gp del Giappone addio? L’emergenza nucleare fa paura al Motomondiale

MOTOGP 2011 – Questo week-end era riservato al Motomondiale in Giappone, ma dopo il terremoto-tsunami dell’11 marzo e la conseguente emergenza nucleare il Gran Premio è stato rinviato a data da destinarsi. Piloti tutti a casa per le feste di Pasqua, in attesa del prossimo Gp del Portogallo che si terrà l’1 maggio sul circuito di Estoril.

Il disastro ha messo parzialmente fuori uso la pista di Motegi di proprietà della Honda, sebbene i tecnici si siano affrettati a dichiarare che le riparazioni sono state effettuate, ma a preoccupare maggiormente è la crisi nucleare scoppiata attorno alla centrale di Fukushima (che dista 150 km dal circuito), dove stamane il premier Naoto Kan ha dichiarato l’evacuazione obbligatoria nel raggio di 20 km dall’impianto a causa degli alti tassi di radioattività altamente nocivi per la salute umana. 

Negli ultimi giorni si sono rincorse possibili voci circa un trasferimento della gara in Turchia, in India o a Donington, ma ciò significherebbe sobbarcarsi di enormi spese che, a quanto pare, nessuno è intenzionato a finanziare, tantomeno la Dorna, l’organizzazione che gestisce il mondiale. Il responsabile princiapale della Dorna, Carmelo Ezpeleta, non si sbilancia sul rinvio ad ottobre del Gp del Giappone e lascia la parola agli organizzatori locali: “Ho piena fiducia in loro e se ci diranno che la gara si potrà fare, significherà che saremo sicuri al 1000 per cento. Se la situazione non sarà chiara, sono certo che saranno i primi loro a valutare nel modo appropriato la situazione”.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here