GP CINA 2011 – Il direttore di Pirelli Motorsport, Paul Hembery, si dice soddisfatto per il lavoro degli pneumatici nelle prime prove libere del Gp della Cina 2011. Nonostante l’elevata temperatura dell’asfalto sul circuito di Shanghai (30 gradi centigradi) le gomme Pirelli hanno resistito meglio che a Melbourne e in pista si sono visti meno ‘proiettili di gomma’, fenomeno che aveva lasciato qualche perplessità al Gp della Malesia di una settimana fa. Le previsioni  meteo per domani e domenica a Shanghai sono incerte, la differenza tra pneumatici morbidi e duri è di sei-sette giri: di conseguenza lo spettacolo sembra assicurato secondo il manager della Pirelli, che prevede soltanto due pit stop nella gara ufficiale.

“Siamo arrivati in Cina direttamente dalla Malesia, le squadre non hanno avuto troppo tempo per sviluppare le loro monoposto. Mi aspetto che i team si esprimano più o meno allo stesso livello, ma potrebbe esserci qualche sorpresa”, dichiara Hembery che, alla domanda sul possibile vincitore del Mondiale di Formula Uno, risponde così: “Chi vincerà il titolo? Senz’altro un pilota Pirelli! È difficile fare previsioni. La Red Bull è partita alla grande ma la McLaren, in passato, è diventata sempre più forte nel corso della stagione. Per una compagnia italiana come la nostra, poi, sarebbe splendido anche se vincesse la Ferrari. Potete rifarmi la domanda tra 6 mesi?”.

Quest’oggi tutti i piloti del Circus hanno corso con le Pirelli hard, mentre Sebastian Vettel nella seconda sessione di prove libere ha conquistato il miglior tempo con le gomme soft. Mai come quest’anno la strategia degli pneumatici sarà fondamentale per guadagnare secondi importanti.

Redazione