Smart For Two & Alessandro Nesta: nel traffico di Milano con l’utilitaria più in voga

SMART FOR TWO & ALESSANDRO NESTA – Alessandro Nesta è uno dei migliori difensori del nostro calcio, anche se ormai sulla soglia dei 35 anni e con qualche problema fisico di troppo si avvia alla fine della sua carriera. Il difensore ha scelto tra le sue macchine di dare spazio a una Smart For Two per la sua comodità.

Nesta ha dimostrato nel tempo la sua grande affidabilità al centro della difesa, comportandosi da leader e diventando piano piano un perno del Milan e della Nazionale. Con gli azzurri tanta sfortuna e infortuni in momenti cruciali, come quando i suoi compagni alzavano la Coppa del Mondo in Germania nel 2006 e lui era alle prese con un problema all’adduttore destro. Nonostante questo 78 presenze e il ritiro con la maglia azzurra proprio poco dopo quel Mondiale.

Prima del Milan c’era però la Lazio, di cui era una bandiera e il capitano. Il suo trasferimento verso il nord, nel 2002, provocò malumori e l’accusa al giocatore di essere un mercenario. Ma alla fine in quella disgraziata estate, per i tifosi biancocelesti, la sua cessione e quella di Hernan Jorge Crespo evitarono il fallimento della squadra al tempo di Cragnotti. I tifosi capirono il gesto, e chiesero scusa al loro capitano. Con la squadra della capitale Sandro Nesta ha vinto un campionato, e una bellissima Coppa delle Coppe. Con il Milan poi la conquista di un altro titolo nazionale e di due Champions League. Tanti successi e 205 presenze in Serie A.

Nesta a scelto per muoversi a Milano una Smart For Two, evoluzione della mitica due posti lanciata nel 1998 ma di cui si facevano prototipi fin dalla fine degli anni ’80. L’epiteto For Two è arrivato in seguito alla nascita della For Four, macchina lanciata dal marchio Smart per le famiglie ma miseramente stracciata dalla concorrenza sul mercato.

La nuova serie della For Two presenta anche delle innovazioni nell’aspetto puramente estetico, con ben 20 cm in più. Il motore è un tricilindrico della Mitsubishi e raggiunge gli 84 cavalli. L’autovettura esiste in tre versioni con conseguenti allestimenti: Pure, Pulsion e Passion. Tra le innovazioni invece puramente tecniche c’è un nuovo cambio sequenziale a cinque rapporti, prima erano sei, che rende la guida più rapida e precisa e da maggiore stabilità all’autovettura.

Esiste poi una versione speciale, denominata Ultimate 112, che raggiunge i 112 cavalli e i 170 km/h. Ne sono però stati costruiti purtroppo solo 112 prototipi.

I calciatori spesso scelgono questa macchina, da sistemare nel loro garage, per andare agli allenamenti e muoversi agilmente nella città. Un’autovettura che assicura prestazioni importanti, e che è facile da parcheggiare.

Matteo Fantozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here