Il concept della Alfa Romeo 4C

IL GRUPPO FIAT ALLA CONQUISTA DEGLI STATI UNITI

– Questi ultimi giorni sono stati di estreme e assolute novità per il Gruppo Fiat, soprattutto nel versante del proficuo lavoro che il Lingotto sta facendo negli Stati Uniti. Ci riferiamo naturalmente all’accordo con il marchio Chrsyler, che da quando è gestito da Torino e in particolare da Sergio Marchionne ha fatto un balzo in avanti impressionante in termini di quotazione, visto che a giugno 2009 era valutato all’incirca un miliardo di dollari e nel consuntivo di fine 2010 il valore si assestava intorno ai 4,8 miliardi di dollari. Da sottolineare che le vendite di automobili negli Usa per il 2010 sono aumentate circa dell’11 per cento nel 2010. 

In questa ottica di crescita continua e costante i prossimi passi saranno quelli della quotazione in borsa della casa automobilistica statunitense (che avverrà forse entro l’anno) e lo spostamento del quartier generale di Fiat-Chrysler negli Stati Uniti (questa secondo i rumors sarebbe l’idea dell’amministratore delegato del gruppo automobilistico torinese).

Ma le buone notizie in casa Fiat non si fermano qui: è di pochissimi giorni fa la notizia ufficiale del passaggio della Fiat dal 25 al 30% del capitale della Chrysler, obiettivo concordato con il governo Usa.

Per quanto riguarda le quote di partecipazione all’interno della Chrysler ora sono così suddivise: Sindacato UAW VEBA 59.2%; Fiat 30.0%; Tesoro Usa 8.6%; Governo canadese 2.2%.

In questo scambio reciproco volto alla crescita dei marchi del Gruppo Fiat e Chrysler in tutto il mondo, è stato raggiunto un accordo che prevede la vendita dei prodotti della Chrysler nel 90% dei concessionari brasiliani ed dell’Unione Europea della Fiat; di compenso la Casa americana metterà il marchio Fiat o Lancia su alcuni prodotti da lanciare sul mercato Usa come la Freemont o Lancia Thema e Voyager.

E non è finita qui: il Gruppo Fiat a breve potrà ottenere la proprietà del 35% della stessa Chrysler se riuscirà a produrre e costruire negli Stati Uniti una vettura che percorra in media 40 miglia per gallone (14 km con un litro) basata su una piattaforma e sulla tecnologia Fiat. L’ultima enorme novità è l’annuncio odierno che la Alfa sarà commercializzata a breve negli Stati Uniti con il modello 4C, che è stato presentato come concept al Salone di Ginevra che si è svolto lo scorso mese di marzo. Dopo il lancio della Alfa 4C seguirà poi quello del Suv prodotto direttamente a Mirafiori.

Redazione Online