Aston Martin V8 Vantage & Steven Gerrard: una super coupè sportiva per il capitano del Liverpool

ASTON MARTIN V8 VANTAGE & STEVEN GERRARD – Stagione finita per Steven Gerrard, capitano del Liverpool, pronto quindi a passare un periodo di relax a bordo della sua Aston Martin V8 Vantage. Il centrocampista è uno di quelli che non si è mai tirato indietro, diventando uno dei migliori interpreti nel suo ruolo negli ultimi anni. Tanti ricorderanno quando Didier Deschamps lo voleva portare alla Juventus, al ritorno in Serie A. Un no della dirigenza fece infuriare il tecnico francese e questo fu uno dei principali motivi per cui diede le dimissioni. Il giocatore è sempre stato coccolato da tutti ma alla fine ha continuato a vestire la maglia dei reds. 385 sono ora le presenze condite da 84 goal, una vita passata con la maglia del Liverpool addosso. Tanti trofei alzati al cielo, come quell’incredibile Champions League vinta nel 2004 ai danni di un Milan in vantaggio per 3-0 all’intervallo. Al cielo sono andati poi tanti altri trofei, senza riuscire mai ad avere la gioia di vincere una Premier League. Per lui tante presenze anche con la maglia dell’Inghilterra, 85, e 19 reti. E’ uno dei centrocampisti che vengono definiti moderni, bravo in copertura ma devastante negli inserimenti.

Ha deciso di puntare su una macchina di prima qualità. La V8 Vantage viene prodotta dall’Aston Martin dal 2006, ed è uno dei più eleganti coupè sportivi. Il motore è un V8 aspirato da 4.3 litri e di cilindrata a 4.200 cm cubi, derivata dalla Jaguar. 385 cavalli vapore la portano fino a un massimo di 7000 giri al minuto e gli garantiscono prestazioni eccezionali. La velocità massima tocca i 280 km/h e raggiunge da 0 a 100 in 5 secondi.

Una macchina di classe per un giocatore eclettico e pieno di personalità. Steven Gerrard infatti ha la dote di fare innamorare i propri allenatori, per l’affidabilità in mezzo al campo e la grandissima intelligenza tattica. Ora vive un momento difficile a causa dell’infortunio, ma siamo sicuri potrà tornare più forte di prima.

Matteo Fantozzi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here