Terremoto Giappone: case automobilistiche devolvono 7 milioni di euro, Fiat fanalino di coda

TERREMOTO GIAPPONE – Il mondo delle auto si mobilita in favore del Giappone, colpito dal terribile terremoto-tsunami e dal rischio nucleare che incombe da giorni sullo Stato nipponico. La prima casa automobilistica a versare un sostanzioso contributo è stata l’americana General Motors con un assegno da 500 mila dollari. A seguire molti altri colossi motoristici, per un totale di 7 milioni di euro.

La Nissan ha devoluto 3 milioni e 500.000 euro, mentre Renault, partner della Casa giapponese, ha promesso alla Croce Rossa del Paese sostegno per 500.000 euro. La Bmw dividerà la somma di un milione di euro in aiuti alla Croce Rossa e all’associazione Save the children, e Daimler AG si è impegnata a supportare la ricostruzione con fondi per due milioni di euro. Fiat ha donato un contributo immediato di 200.000 euro impenandosi a raddoppiare tale cifra.

Un supporto pratico sul campo arriva anche dalla Mitsubishi, che ha inviato in una delle regioni più colpite dal sisma, quella nord-orientale di Tohoku, una flotta composta da veicoli elettrici i-MiEV e da pick-up Triton, per il trasporto dei materiali e gli spostamenti dei soccorritori. Anche l’azienda di pneumatici Continental ha dato un apporto economico di 250.000 euro.

Redazione

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here