CONDIVIDI

LAND ROVER FREELANDER 2 ED4 – La Freelander √® una delle Suv pi√π riuscite degli ultimi anni: di dimensioni non esagerate, quattro metri e mezzo, con degli ottimi turbodiesel, confortevole in viaggio e adatta anche al fuoristrada quasi “vero”. Cio√®: non avr√† tutti i requisiti per un safari africano¬†- per quello c’√® sempre la mitica Defender – ma rispetto a rivali come Toyota Rav4, Honda CR-V, per non parlare di BMW X3, tutta un’altra categoria.

Trazione anteriore. Insomma, percorsi di “sopravvivenza”, con crateri profondi, guadi, fango, pendenze esagerate non l’hanno mai spaventata. Ora, in occasione del restyling per il 2011, con gli immancabili piccoli dettagli estetici che vengono “rivoluzionati” (un esempio: la scritta Land Rover sull’ovale verde non sar√† pi√π dorata, ma color argento‚Ķ e capirai!), quasi sottovoce, arriva invece una delle pi√π grandi novit√† nella storia della Casa britannica sinonimo di off-road. La trazione anteriore.

Costi ridotti. I motivi? Beh, abbastanza ovvi. Offrire un’auto con un prezzo nettamente inferiore, con consumi sensibilmente pi√π bassi (e quindi vantaggi anche fiscali in molti Paesi europei), a tanti potenziali clienti che del 4×4 non sanno bene cosa farsene. Una scelta difficile, per un produttore cos√¨ specializzato, ma ormai obbligatoria: pare che il 23% dei clienti di Suv vogliano solo due ruote motrici. E sono in aumento.¬† Ovviamente la curiosit√† di provarla era tanta. Come andr√† una Freelander a trazione anteriore? Ecco le risposte.

Su strada persino meglio. Le brillanti performance stradali della 4×4 inglese le conoscevamo gi√†: ben piantata a terra, sincera, con uno sterzo abbastanza diretto e leggero (persino troppo, in velocit√†) la Freelander invita davvero a guidare con piacere. La prima impressione, al volante di una versione 4×2, √® positiva: alleggerita di 75 kg, √® persino pi√π agile nei cambi di direzione. La eD4 ha il turbodiesel da 150 CV abbinato al cambio manuale a sei marce, contro i 190 CV e cambio automatico della nuova TD4, e il pacchetto si adatta benissimo alla vettura.

Fuori non c’√® paragone‚Ķ Nel fuoristrada, la Freelander 2 eD4 si difende come pu√≤. E non delude, in fin dei conti. L’abbiamo guidata su un tracciato piuttosto impervio: sentieri scoscesi con terra, pietre e fango, buche profonde, cambi di pendenza e lunghi guadi. La base dell’auto rimane ottima, anche senza trazione integrale. La Freelander, riesce a superare tutti gli ostacoli del percorso, con qualche trucco del mestiere: evitando di fermarsi nei punti pi√π impervi, sfruttando l’inerzia, disinserendo l’Esp quando non se ne pu√≤ fare a meno, ma stando attenti a non fare affondare le ruote che pattinano‚Ķ in effetti, come si vede dalle foto, anche senza 4×4 quest’auto permette di fare molto di pi√π di quello che un automobilista mediamente avventuroso si sognerebbe di fare.

Ripetiamo il percorso con una TD4 190 CV con cambio automatico e Terrain Response (che permette di selezionare la migliore trazione possibile su fango, pietre o sabbia). Sembra una passeggiata, tutta un’altra storia. La Freelander si arrampica che √® un piacere, affronta tutti i passaggi che poco prima ci avevano fatto penare, al volante della 4×2, con grande souplesse.

Morale? Risparmiare soldi e carburante, di questi tempi, è un imperativo. Se quello che cercate è una bella Suv, gradevole da guidare su strada, capace di cavarsela su qualche sterrato, nel fango o sulla neve, la eD4 va benissimo. E per questo bastano le gomme M+S di serie.

Quattroruote.it