Porsche Panamera, hi-tech e massimo comfort al Salone di Zurigo 2010

PORSCHE PANAMERA –

L’ammiraglia della Porsche è più ammiraglia che mai se la si affida alle cure dello storico tuner e car-designer tedesco TechArt. Modifiche estetiche e al motore per la Panamera 4.8 turbo non da poco in questa versione che verrà presentata al Salone di Zurigo in programma dall’11 al 14 novembre.

Cominciamo dal propulsore, il V8. Gli interventi, che hanno riguardato soprattutto la centralina, spostano il numero dei cavalli a disposizione sensibilmente più in alto: dai 500 originari ai 578. La coppia schizza da 700 Nm a 830 Nm. Aumento di potenza sottolineato anche dalle fenditure che si aprono in sequenza sul cofano motore, che ricordano le branchie di uno squalo “cattivo”. E il coperchio che chiude il propulsore è ora in fibra di carbonio con tanto di logo TechArt.

Un colpo d’occhio al muso: e le modifiche al fascione paraurti, alla griglia e ai gruppi ottici sono evidenti. Non potevano mancare lo splitter e minigonne ben più evidenti delle normali. Se andiamo a misurarle, fanno 21 mm di larghezza in più davanti e 42 mm dietro. Parte posteriore caratterizzata da un alettone maggiorato, da un diffusore diverso e da scarichi rivisti che, volendo, emettono anche un sound più ruvido e ficcante. Cerchi specifici da 20, 21 o addirittura da 22 pollici.

L’operazione “GrandGT”, come è chiamata dalla factory tedesca, continua nell’abitacolo. Qui la Porsche Panamera è addobbata con dettagli in pelle, cornici in legno e materiali hi-tech in ogni parte. Molta attenzione è data alla zona dell’infotainment. La consolle centrale e tutto il sistema può essere stravolto, per esempio con l’aggiunta di due display da 7 pollici, integrati nei poggiatesta anteriori, per i passeggeri posteriori che hanno a disposizione due tavolini estraibili…

Tutto il pacchetto, modifiche meccaniche incluse, gode della garanzia TechArt della durata di due anni. E le personalizzazioni, soprattutto degli interni, sono praticamente infinite, dato che il tuner tedesco lavora molte componenti in maniera esclusiva.

Virgilio.it



Altre Notizie